a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 123




MORTI VIVENTI SONO TRA NOI (I) - recensione

Titolo: MORTI VIVENTI SONO TRA NOI (I)
Titolo originale: Revanche Des Mortes Vivantes (La)
Regia: Pierre B. Reinhard
Interpreti: Véronique Catanzaro, Kathryn Charly, Sylvie Novak, Anthea Wyler, Laurence Mercier, Patrick Guillemin
Anno: 1987

Dopo aver bevuto del latte avvelenato, tre ragazze muoiono. Da quel momento, viene fuori un complesso e perverso meccanismo, tramite il quale persone senza scrupoli cercano di liberarsi di una sostanza tossica, mentre altri cercano di lucrarci sopra. Le ragazze morte, diventate zombi, escono dalla bara facendo fuori un po' tutti e così tra polizia, amori lesbici, nudi integrali, ricatti, coiti, sbudellamenti e urla arriviamo al pazzesco finale (che avrei una voglia matta di svelare, tanto è folle e assurdo) dove sarà un posto di blocco della Forze Armate a dar vita all'epilogo di questa incredibile vicenda...



I MORTI VIVENTI SONO TRA NOI è un filmaccio (ma accio accio!!) francese, che mescola zombi, sesso e vicende poliziesche. Gli attori recitano esattamente come se si trovassero in un film porno, in compenso c'è un bel po' di sangue con scene pazzesche e disgustose: una donna viene ammazzata con un tacco infilato in un occhio, un uomo evirato e sbudellato, una spada infilata nella vagina e c'è pure una donna che abortisce (spontaneamente!) mentre si fa la doccia! Se non si vede non ci si crede...

 

Tutte queste scene, realizzate al solo scopo di impressionare l'incauto spettatore, sono arricchite da volgarità assortite gettate a piene mani, all'interno di una storia assurda che non riesce mai a stare in piedi e, come ciliegina sulla torta (dopo il delirante finale) assistiamo a una didascalia con voce narrante, che consiglia di non parlare agli amici di questo film, poiché gli eventi raccontati sono terribili e troppo spaventosi per essere divulgati.

 

Nella locandina viene pure citato Edgar Wallace che, ovviamente, non ha nulla a che vedere con tutto ciò... Ma che ve lo dico a fare?



scritto da: Kino Glam


comments powered by Disqus