a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 123




FACCIA DI SPIA - recensione

Titolo: FACCIA DI SPIA
Titolo originale: Faccia Di Spia
Regia: Giuseppe Ferrara
Interpreti: Adalberto Maria Merli, Mariangela Melato, Francisco Rabal, Riccardo Cucciolla, Ugo Bologna, Giorgio Ardisson, Dominique Boschero, Lou Castel
Anno: 1975

Docu-fiction che mostra il modus operandi (non troppo ortodosso) della Cia nel mondo per ottenere informazioni. Il lavoro di Ferrara è incentrato su situazioni e personaggi storici che, in varie parti del globo, hanno avuto a che fare con la Central Intelligence Agency: dal percorso di Che Guevara agli avvenimenti di Piazza Fontana, passando per i fatti avvenuti a Cuba fino alle rivolte in Guatemala degli anni '50 (solo per citarne alcuni). Attraverso una serie di ricostruzioni (diciamolo pure, spesso improbabili), FACCIA DI SPIA (grandissimo titolo) vorrebbe dimostrare in maniera forte (anzi fortissima, ma dopo ci arriviamo) come i Servizi Segreti abbiano basi solide in tutto il mondo. Fin qua niente di strano o di particolarmente interessante, direte voi...

 

Non è così, perché Ferrara crea un mix velenosissimo di fatti storici e di exploitation allo stato puro. Negli eventi narrati assistiamo a interrogatori sanguinari che sfociano in torture pazzesche; in ogni caso gli effetti speciali sono di basso livello e basta questo a togliere tutti i dubbi sulla veridicità degli eventi mostrati. E' curioso vedere fior d'attori interpretare personaggi storici di vario tipo (tipo Mariangela Melato, Giorgio Ardisson o Ugo Bologna) mischiati a sessioni di tortura realmente raccapriccianti, con seni bruciati dalle fiamme, peni infilzati e amputazioni che nulla (ma proprio nulla) lasciano all'immaginazione.

 

FACCIA DI SPIA è una via di mezzo fra l'inchiesta d'assalto e la spettacolarizzazione pura dell'effetto shock: Ferrara conosce bene le ideologie politiche e i fatti storici, ma pesca a piene mani dalla scuola del mondo-movie, realizzando qualcosa di estremamente bizzarro e insolito. Diciamoci la verità: come documento vale poco (anche se chi è a digiuno di storia ha comunque la possibilità di venire a conoscenza di fatti realmente accaduti, più o meno conosciuti), ma ha un bell'impatto morboso che lascia il segno.

 

Da vedere, ma solo se avete lo stomaco forte.



scritto da: Federico Lazzeri


comments powered by Disqus