a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 123




NOTTE DEI MILLE GATTI (LA) - recensione

Titolo: NOTTE DEI MILLE GATTI (LA)
Titolo originale: Noche De Los Mil Gatos (La)
Regia: René Cardona Jr.
Interpreti: Hugo Stiglitz, Anjanette Comer, Zulma Faiad, Christa Linder, Teresa Velazquez, Barbara Angely, Gerardo Zepeda
Anno: 1972

Un giovane playboy seduce giovani ragazze, le squarta e le getta in pasto a un branco di gatti famelici. Ma anche per lui c'è in serbo una brutta sorpresa.

 

Hugo (Hugo Stiglitz) è un bel ragazzo che vive in un castello insieme a Dorgo, un maggiordomo storpio e ritardato mentale. Il giovane ha delle strane abitudini: conquista e seduce procaci ragazze mostrandosi ricco e sicuro di sé (ha un elicottero e una bella moto), dopodiché, una volta portate all'interno del suo maniero, le riduce a pezzi e le getta in pasto a un'orda di gatti affamati che tiene chiusi dentro a una gabbia. Non solo: le teste delle vittime vengono messe sottovetro e conservate in una stanza, a mò di trofeo.

 

Il giochino dura per un po' e molte ragazze perdono la vita. Anche il maggiordomo finisce sbranato dai felini. Ma quando il troppo stroppia le cose cominciano a cambiare: i gatti scappano dal recinto e riservano a Hugo la stessa sorte assegnata alle ragazze...

 

Una curiosa produzione messicana dal guru della mexploitation René Cardona Jr. Intendiamoci: il film in sé è brutto, ma la storia ha un piglio creativo notevole. Non c'è molto sangue (a parte i brandelli di carne che vengono gettati ai gatti e le teste sottovetro) e spesso Cardona, per allungare il brodo, ricorre a inquadrature di spiagge e paesaggi messicani in contesti da cartolina, ma la pellicola ha un suo fascino perverso. Il suo punto forte consiste nel non dare alcun tipo di spiegazione a quello che vediamo scorrere sullo schermo. Succede e basta.

 

Quello che colpisce di più è il lamento perpetuo dei felini che riempie le stanze del castello di Stiglitz. Poca roba, ma considerando la breve durata (che in questo caso è un punto a favore) quello che c'è basta e avanza. LA NOTTE DEI MILLE GATTI è un film di puro intrattenimento morboso, senza alcuna pretesa ma che in fondo riesce a divertire e, anche se qualche micetto fa più tenerezza che paura (ci sono anche i cuccioli), facciamo finta di nulla e ci lasciamo coinvolgere volentieri dallo spettacolo.

 

Per i fan del regista messicano, autore dei supercult Il Triangolo Delle Bermude e Cyclone, merita sicuramente una visione. Con lo spirito giusto e senza aspettarsi troppo, è possibile divertirsi.



scritto da: Federico Lazzeri


comments powered by Disqus