a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 123




NUDE PER L'ASSASSINO - recensione

Titolo: NUDE PER L'ASSASSINO
Titolo originale: Nude Per L'Assassino
Regia: Andrea Bianchi
Interpreti: Edwige Fenech, Nino Castelnuovo, Solvi Stubing, Franco Diogene, Erna Schurer, Femi Benussi, Amanda
Anno: 1975

Una catena di omicidi ruota intorno a uno studio fotografico. Nasce tutto da un rapporto incestuoso...

 

Lo studio fotografico Albatros è popolato da un microcosmo di personaggi, tutti più o meno squallidi: fotomodelle che si comportano come prostitute, un ciccione impotente, un donnaiolo con l'ormone sempre a mille e un fotografo effeminato e sessuomane. In un clima di voglie sessuali sempre presenti e costanti (etero e omo), un misterioso assassino vestito da motociclista uccide uno alla volta tutti i personaggi legati a quell'ambiente. Solo alla fine viene alla luce una torbida storia fatta di incesti lesbici (non ci si fa mancare niente) e di aborti.

 

Notevole film del trashista Andrea Bianchi. L'impianto è poverissimo, ma l'ambiente squallido e l'aria malsana che respiriamo sono notevoli. Per tutto il film vediamo i personaggi che non pensano altro che a scopare, mentre un feroce assassino massacra uomini e donne. C'è un nudo integrale di Femi Benussi, Edwige Fenech coi capelli corti che mostra generosamente il seno senza risparmiarsi, Solvi Stubing e Erna Schurer mezze nude e massacrate. C'è anche il culo nudo di Nino Castelnuovo (quello che saltava la staccionata dell' Olio Cuore) fatto vedere con prepotenza in una scena rimasta epica!

 

Il livello di maschilismo della storia è altissimo: le donne sono rappresentate come prede in balìa dei maschi, sempre pronte a fare sesso e inclini alla prostituzione (e in effetti nel film si comportano sempre da mignotte), trattate oltretutto come povere stupide senza il dono dell'intelletto. Memorabile lo scambio di battute in cui lei dice a lui: "Ti Amo". Lui risponde " Ma ti sembra il momento per dire queste stronzate"? Delirante anche il ruolo di Franco Diogene, un obeso impotente che riesce a avere rapporti sessuali solo con una bambola gonfiabile.

 

NUDE PER L'ASSASSINO è uno di quei casi in cui la sostanza (tanta) conta molto più della confezione (scarsa). Intendiamoci, l'intreccio giallo è poca cosa, la sceneggiatura è puerile ma alla fine dei conti il film è molto divertente. Quando l'assassino colpisce c'è un po' di sangue e, per chiudere in bellezza (attenzione spoiler!!), nella scena finale la Fenech opta per un rapporto anale (ma nulla è mostrato ) per non rimanere incinta.

 

Sicuramente merita una visione. Rozzo ma interessante, la sporcizia mostrata raggiunge vette davvero alte.



scritto da: Federico Lazzeri


comments powered by Disqus