a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 123




TERRORE E TERRORE - recensione

Titolo: TERRORE E TERRORE
Titolo originale: Scream And Scream Again
Regia: Gordon Hessler
Interpreti: Vincent Price, Cristopher Lee, Peter Cushing, Alfred Marks, Christopher Matthews, Judy Huxtable, Marshall Jones
Anno: 1969

Terrore a Londra. Uomini sintetici seminano il panico.


Un uomo, mentre fa jogging sviene. Dopo poco, si risveglia prigioniero in una stanza d'ospedale senza una gamba e, contemporaneamente, alcune ragazze vengono violentate, sgozzate e dissanguate. Mentre un commissario di Polizia si occupa del caso altre persone perdono la vita nella stessa maniera e, attraverso la testimonianza di una ragazza, viene a galla l'identità del responsabile. Questo è solo l'inizio di una situazione che ha dell'incredibile: un bizzarro medico (Vincent Price) sta creando in laboratorio degli uomini composti, sintetizzando organi umani e unendoli a tessuti artificiali. Verrà fuori che è il Governo Inglese che ha commissionato una razza di superuomini per militarizzare il paese...

 

TERRORE E TERRORE è un grande film, rimasto per anni sepolto e dimenticato dai più. Come resistere a una pellicola che include i tre mostri sacri per eccellenza del cinema inglese? Stiamo parlando di Vincent Price, Christopher Lee e Peter Cushing (anche se, quest'ultimo, solo in una piccola parte). La sceneggiatura è sgangheratissima, ma tutto funziona alla perfezione e il film è delirante e bizzarro quanto basta. La pellicola di Hessler vorrebbe mescolare fantapolitica, raccapriccio e fantascienza e quello che ne viene fuori è una miscela esplosiva piuttosto insolita. TERRORE E TERRORE è un bel concentrato di sequenze assurde e divertenti: un folle inseguimento in macchina, delitti efferati, amputazioni, arti conservati in frigorifero, persone sciolte nell'acido e una schiera di uomini sintetici inespressivi e malvagi.

 

Consigliato a tutti, in particolare a chi era convinto che nell'horror inglese ci fossero soltanto vampiri, lupi mannari e castelli lugubri. Da recuperare.



scritto da: Federico Lazzeri


comments powered by Disqus