a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 123




AMITYVILLE HORROR (THE) - recensione

Titolo: AMITYVILLE HORROR (THE)
Titolo originale: Amityville Horror (The)
Regia: Stuart Rosenberg
Interpreti: Margot Kidder, James Brolin, Rod Steiger, Don Stroud, Murray Hamilton, Natasha Ryan
Anno: 1979

Uno dei capisaldi del filone “casa maledetta” con ottime atmosfere, buona tensione e una coppia di protagonisti in stato di grazia. Da recuperare assolutamente (sempre che ci sia qualcuno che ancora non l'ha visto).

 

La famiglia Lutz trasloca in una villa costruita sopra la tomba di un potente stregone. Una moltitudine di oscuri ed orribili avvenimenti minano l’esistenza della famiglia e del prete locale, padre Delaney, che tenta invano di esorcizzare lo spirito malvagio che alberga nella casa. George, il capofamiglia, dominando a stento il tentativo di possessione che di giorno in giorno lo sta trasformando nel malefico stregone, riesce a mettere in salvo tutti i suoi familiari proprio nel momento in cui le porte dell’inferno si spalancano....

 

Gli effetti speciali di Rheaume (Terrore Dallo Spazio Profondo) e Cruse (Fenomeni Paranormali Incontrollabili), insieme alla regia solida di Rosenberg (che aveva iniziato nella televisione, dirigendo anche alcuni episodi per la serie Ai Confini Della Realtà), rendono estremamente godibile una vicenda dall’andamento farraginoso e talora eccessivo, sebbene Sandor Stern sia un abile sceneggiatore. Buona la prova degli interpreti, fra i quali spiccano James Brolin e la Kidder.Il risultato finale è più che soddisfacente e AMITYVILLE HORROR si pone come uno dei migliori film riguardanti il tema della casa maledetta.

 

Il produttore Arkoff è sempre stato molto attivo con la sua A.I.P. nel settore ”horror”, dando vita ad una lunga lista di titoli a basso costo come Blacula, L’Abomiveole Dottor Phibes, La Città Dei Mostri e tantissimi altri ancora. Il buon successo della pellicola ha provocato la genesi di diversi seguiti, spesso di bassa qualità.



scritto da: Michael Wotruba


comments powered by Disqus