a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 123




RAGAZZA DEL VAGONE LETTO (LA) - recensione

Titolo: RAGAZZA DEL VAGONE LETTO (LA)
Titolo originale: Ragazza Del Vagone Letto (La)
Regia: Ferdinando Baldi
Interpreti: Silvia Dionisio, Zora Kerova, Werner Pochath, Gianluigi Chirizzi, Carlo De Mejo, Fausto Lombardi, Gino Milli
Anno: 1979

Rape and revenge più noto all'estero che in Italia con il titolo Terror Express. Non male la carrellata di personaggi ambigui e perversi, terribili quanto gli stupratori protagonisti. Molti nudi e tanta violenza più suggerita che mostrata. Imperdibile comunque, per chi ama il genere. Tre teppisti si scatenano su un treno. Dopo aver infastidito tutti nel vagone ristorante, tentano di aggredire le donne più giovani che vengono difese da un poliziotto al quale strappano la pistola. L'incubo ha inizio. L'unico che saprà opporsi alla loro aggressione sarà un detenuto politico.

 

Interessante. Nessuno sul treno è davvero innocente e ad un certo punto si fa parecchia fatica a comprendere da che parte stia il bene. Un politico perverso e vigliacco, un padre apparentemente premuroso che ha desideri erotici nei confronti della figlia adolescente, una prostituta che batte in accordo con il capotreno, una signora borghese che non disdegna una sveltina con uno degli stupratori, una ragazzina che si innamora del suo carnefice e persino il terrorista politico che alla fine è l'unico a ribellarsi sul serio.

 

Ok, LA RAGAZZA DEL VAGONE LETTO non ha certo una sceneggiatura originale, ma con tanta follia a bordo, il vagone del treno dove si consuma la mattanza diventa un palcoscenico davvero indimenticabile! Recitazione così così, ma alla fine del salmo la storia coinvolge e anche se quasi tutto è solo suggerito, a vantaggio di una serie di nudi di non particolare valore se non per i feticisti delle nostre nazionali starlettes del tempo che fu, il brivido non manca. Notevole e sinistra la scena in cui il padre fa indossare la camicia da notte della figlia alla prostituta giusto un attimo prima di darci dentro! Sottovalutato e da recuperare.

 

Curiosità: la sceneggiatura è del grande (in tutti i sensi!) George Eastman aka Luigi Montefiori, noto ai più come protagonista di Antropophagus.

 

Curiosità numero 2: Ferdinando Baldi, noto agli appassionati di cinema di genere per aver diretto numerosi spaghetti western, è quasi sconosciuto al grande pubblico. Ha lasciato la nostra dimensione nel 2007.

 

Curiosità numero 3: tra gli interpreti anche Silvia Dionisio, ex moglie di Ruggero Deodato.



scritto da: Francesco Cortonesi


comments powered by Disqus