a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 123




MARCHIO DI DRACULA (IL) - recensione

Titolo: MARCHIO DI DRACULA (IL)
Titolo originale: Scars Of Dracula
Regia: Roy Ward Baker
Interpreti: Christopher Lee, Dennis Waterman, Jenny Hanley, Christopher Matthews, Patrick Troughton, Michael Gwynn
Anno: 1970

Niente di particolare. Anzi, i cliché e le banalità abbondano, però ci sono due o tre momenti che valgono la visione.

 

Albert e la sua fidanzata Sara partono per andare a cercare il fratello di lui, Simon, un donnaiolo incallito scomparso dopo lo sfortunato epilogo di un’avventura galante. La ricerca porta i due al Castello di Dracula dove il parente è approdato qualche giorno prima. Ovviamente la situazione precipita e Albert si trova costretto a trasformarsi in eroe per salvare la sua bella, vittima designata.

 

Amatissimo (chissà poi perché) da molti fan della Hammer. Roy Ward Baker (considerato il vero erede di Fisher) prova, sfruttando una sceneggiatura di Hinds, a giocare prima la carta dell’erotismo e della commedia per poi far virare il film verso toni decisamente più macabri, aggiungendo ambiguità e violenza senza lesinare gli ingredienti. Il tentativo è interessante, ma il risultato è mediocre.

IL MARCHIO DI DRACULA è infatti un film frammentato e a tratti noioso, che regala solo qualche buon momento, oltre alla solita imprescindibile atmosfera gotica in stile Hammer che se non altro maschera i difetti con una cornice di livello. Neppure Lee è qui al suo meglio, anche se resta memorabile la scena in cui si arrampica sulla parete del castello, ma è davvero troppo poco per rendere la sua interpretazione imprescindibile. Bello però il finale, con il fulmine che colpisce e incenerisce.

 

Curiosità numero uno: IL MARCHIO DI DRACULA è il quinto film della Hammer incentrato sul Conte creato da Stoker.

 

Curiosità numero due: l'attore Dennis Waterman, imposto dalla produzione qui nei panni di Simon, è sempre stato considerato dal regista il più grave errore del film. Il motivo, onestamente, sfugge.

Curiosità numero tre: Jenny Hanley, dopo aver intrapreso una brillantissima carriera in tv, si è improvvisamente ritirata dalle scene nel 1983. Aveva 36 anni.



scritto da: Francesco Cortonesi


comments powered by Disqus