a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 123




STAY ALIVE - recensione

Titolo: STAY ALIVE
Titolo originale: Stay Alive
Regia: William Brent Bell
Interpreti: Jon Foster, Samaire Armstrong, Frankie Muniz, Jimmi Simpson, Wendell Pierce, Milo Ventimiglia, Sophia Bush
Anno: 2006

E pensare che l’idea non sarebbe nemmeno delle peggiori. Il problema è che il film sembra scritto da un isterico e tagliato successivamente da un Edward Mani Di Forbice nel pieno di una crisi epilettica. A criminali del genere dovrebbero immediatamente imporre l’espulsione perpetua da tutte le sale del regno!

 

In seguito alla brutale morte di un loro amico, un gruppo di ragazzi entra in possesso del cruento videogame chiamato “Stay Alive”, sorta di Resident Evil underground di sconosciuta origine. Una volta dentro al gioco, i giovani virgulti rivivono le terribili gesta della contessa Bathory mentre nel frattempo, lottano contro mostri di ogni specie. I Nostri si renderanno però conto ben presto che Stay Alive non è altro che la simulazione di una terribile realtà che si manifesta durante ogni partita...

 

Ecco cosa succede quando si decide di rendere super commerciale a ogni costo una discreta idea.
Diciamolo: il soggetto di STAY ALIVE non è così banale. In fondo, nell’epoca in cui le consolle finiscono per succhiare come vampiri assetati di tempo le ore dei giocatori, il concetto di un videogame che si sovrappone alla realtà, facendo manifestare la "contessa sanguinaria", è bizzarra ma metaforica quanto basta per suscitare un pur minimo interesse. Forse non sarà estremamente rivoluzionaria, ma non è neanche la solita vaccata che merita di essere sprecata in un teen horror movie. Detto fatto.

 

A tratti incomprensibile, incredibilmente monco e assolutamente idiota, STAY ALIVE è il classico film che alla fine lascia offesi e irritati. Va bene, è chiaro, questa non è certo roba che si arroga il diritto di essere classificata come cinema, ma anche se l’idea fosse semplicemente quella di realizzare un prodotto per spillare i soldi alle masse, c’è bisogno di esagerare così tanto? Andiamo, è vero che la stragrande maggioranza della gente forse non è poi così sveglia, ma questo è troppo davvero...

 

I teen agers hanno le caratteristiche di sempre: il fico eroe, la bella che lo ama, la goticona, il nerd e l’indisponente. Quello che succede è facile immaginarselo. La terribile Bathory li fa fuori quasi tutti, in modi tra l’altro neanche originali. Soliti flash, soliti colpi improvvisi e solite morti annunciate. Basta dai, abbiamo capito. Per rendere tutto velocissimo poi, proprio come piace alle nuove generazioni, qui si è pensato pure di togliere successivamente interi pezzi di film, in modo da farla il più breve possibile. Pensiero gentile, d'accordo, ma la comprensibilità di certe scene forse la si poteva salvare, no?! Bello STAY ALIVE. Se volete fare un dispetto a qualcuno, regalateglielo.

 

Curiosità: ma davvero siete curiosi di qualcosa a riguardo?



scritto da: Francesco Cortonesi


comments powered by Disqus