a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 123




TWILIGHT - recensione

Titolo: TWILIGHT
Titolo originale: Twilight
Regia: Catherine Hardwicke
Interpreti: Kristen Stewart, Robert Pattinson, Billy Burke, Sarah Clarke, Matt Bushell, Gil Birmingham, Gregory Tyree Boyce
Anno: 2008

Parlare di TWILIGHT significa far riferimento al film più importante  del 2008: una pellicola che solo nei primi due week-end di programmazione ha sfiorato gli otto milioni di euro di incassi. Una cifra da capogiro, che porta a chiedersi le ragioni di questo straordinario successo. A suo modo un cult.

 

Tratto dall'omonimo best-seller di Stephanie Meyer, TWILIGHT narra della travolgente nonché contrastata storia d'amore tra Bella, liceale diciassettenne timida e goffa ed Edward, bellissimo e misterioso coetaneo che frequenta il suo stesso liceo, insieme a tutti i suoi fratelli adottivi, anch'essi tremendamente affascinanti. Bella non tarda a rendersi conto che in lui c'è qualcosa di strano, se non d'inquietante: Edward è infatti un vampiro, combattuto dall'amore che prova per Bella e la sua natura di cacciatore, che lo spinge a vedere la ragazza come una preda. Ma Edward è un vampiro buono, così come anche gli altri membri della sua famiglia e, soprattutto, ama immensamente Bella e è deciso a difenderla da ogni pericolo, il più grande dei quali è rappresentato da James, perfido vampiro che vuole fare della ragazza la sua preda...

 

Già dalla trama risulta evidente come questo film si presti ad essere un crogiolo di generi diversi: c'è la storia d'amore, l'horror, il fantasy, tutti rimescolati e legati insieme dal fil rouge della commedia adolescenziale, genere prettamente americano che qui riacquista nuova vitalità proprio grazie all'eclettica mescolanza di stili.

 

La storia di Bella ed Edward ha commosso intere schiere di pubblico adolescente, composto soprattutto da ragazzine che si sono identificate in Bella, prototipo della ragazza medio-bassa che riesce nonostante ciò, a far innamorare di sé il ragazzo più bello della scuola, che però stavolta non il principe azzurro ma il cattivo, l'anti-eroe, il bello e dannato per eccellenza che soffoca la sua natura istintivamente malvagia per amore dell'amata: insomma, un sogno.

 

Già questo sarebbe sufficiente a far presa sui cuori delle numerose fan, ma a rendere il tutto più intrigante è indubbiamente la doppia natura di Edward: da una parte liceale alle prese coi problemi dei ragazzi della sua età e, dall'altra, succhiasangue che cerca disperatamente di soffocare la sua sete. Il film pertanto, ha il merito di riproporre quella che è in assoluto una delle figure più affascinanti del panorama horror: il vampiro, appunto.

 

E lo fa basandosi sulle caratteristiche vampiresche enunciate da Stephanie Meyer: quindi, va bene uscire di giorno, ma mai sotto la luce diretta del sole, onde evitare di ricoprirsi di brillantini luminosi (bellissimo l'effetto in cui Edward si mostra a Bella sotto i raggi solari, in tutto il suo splendore). Per quanto riguarda invece la tecnica di uccisione dei vampiri, la regista Catherine Hardwicke ce ne dà un assaggio verso la fine, quando ci mostra un vampiro che viene letteralmente fatto a pezzi dai suoi simili.

 

Varianti della tradizione insomma, che però contribuiscono a rendere unici i vampiri della Meyer, dotandoli di un fascino estremamente particolare. TWILIGHT può essere considerato un vero e proprio prodotto di culto, un film in grado di “succhiare il sangue” a milioni di spettatori, valorizzando il lato più gotico ed oscuro del fantasy.


Viste le premesse, non ci sarebbe da stupirsi a fronte di una vera e propria saga cinematografica simile a quella del celeberrimo maghetto di Hogworths, anche se c'è chi dice che “Il vampiro fa un solo boccone di Harry Potter”, come è stato scritto su Usa Today.



scritto da: Eliana Tagliabue


comments powered by Disqus