a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 123




BLOODLETTING - recensione

Titolo: BLOODLETTING
Titolo originale: Bloodletting
Regia: Matthew Jason Walsh
Interpreti: Ariauna Albright, Nina Angeloff, Theresa Constantin, James L. Edwards, Randy Rupp, Paul Morris, Joseph A. Daw
Anno: 1997

Saggio scolastico di una qualche università americana che ha raggiunto il mercato europeo. La qualità è quella di un amatoriale. Il soggetto non sarebbe neppure troppo banale, ma la sceneggiatura sembra scritta durante il sangria party di fine anno. Il gore non manca, ma il sangue è di quello fatto con lo sciroppo all’amarena.

 

Una ragazza affascinata dagli assassini seriali decide di incontrarne uno e in breve, insieme formeranno una coppia micidiale che impazza per l’America.

 

Nessun dubbio che nel soggetto ci sia un certo potenziale. In effetti, senza pensare di scomodare Natural Born Killers, vengono più che altro alla mente i tanti casi di cronaca in cui certi assassini ricevono pacchi di lettere da spasimanti invasate e pronte a tutto pur di incontrarli e magari sposarli. Su BLOODLETTING però, tutto viene ridotto semplicemente ad una serie di efferati omicidi e il concetto risulta solo un escamotage buono come un altro per l’ennesimo body count.

 

Di certo il gore non manca, ma la qualità generale del film è talmente bassa che risulta impossibile accusare i colpi che il regista cerca di tirare allo spettatore. Gli attori poi sembrano tutti appena usciti da un brutto film porno tedesco.

 

Nonostante tutto però, il film ha trovato la via della distribuzione home video europea, anche se in Italia non è mai arrivato. Si può vedere solo per curiosità e per rendersi conto della qualità del semi-amatoriale americano, che riesce comunque ad attraversare l’oceano e ad approdare nei video store.

 

Curiosità: Matthew Jason Walsh, il regista di BLOODLETTING, è uno sceneggiatore piuttosto noto che ha scritto tra l’altro Prison Of Dead, Final Stab e Deep Freeze, tutta roba sbarcata anche in Italia.



scritto da: Francesco Cortonesi


comments powered by Disqus