a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 123




ALMOST BLUE - recensione

Titolo: ALMOST BLUE
Titolo originale: Almost Blue
Regia: Alex Infascelli
Interpreti: Lorenza Indovina, Claudio Santamaria, Rolando Ravelli, Luciano Curreli, Marisa Solinas
Anno: 2000

Da Alex Infascelli, una piacevole rilettura di un romanzo di Carlo Lucarelli. Belle immagini e una vicenda non troppo scontata. Un titolo valido offerto dal genere giallo, una bella sorpresa degli anni 2000.

 

ALMOST BLUE ha un interessante soggetto, fornito dall’omonimo romanzo di Carlo Lucarelli (collaboratore alla sceneggiatura di Non Ho Sonno, di Dario Argento), che il giovane Alex Infascelli sfrutta appieno, realizzando un dei più interessanti gialli del recente panorama cinematografico italiano e riscrivendolo con l’ausilio dell’esperto Sergio Donati.

 

Un “serial-killer” che s’immedesima così profondamente nelle proprie vittime fino ad assumermene completamente l’identità è l’obbiettivo di una lunga e faticosa caccia da parte di una giovane poliziotta. ALMOST BLUE strizza l'occhio un po’ a Il Silenzio Degli innocenti, un po’ a Henry: Pioggia Di sangue e addirittura a Natural Born Killer / Assassini Nati. Il film non è, come verrebbe da pensare, un’accozzaglia di citazioni e scopiazzature, ma un’originale rilettura del classico giallo all’italiana.

 

Il buon risultato si deve però anche alla prova fornita dagli interpreti, tra i quali spiccano Lorenza Indovina e Claudio Santamaria. La stupenda quanto funzionale fotografia, curata da Arnaldo Catinari (Imago Mortis, 2009 di Stefano Bessoni), avvolge il tutto in un’atmosfera carica di “pathos”. Interessante inoltre la colonna sonora dei dissolti Massimo Volume.

 

Da recuperare.



scritto da: Michael Wotruba


comments powered by Disqus