a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 123




ADRENALINE - recensione

Titolo: ADRENALINE
Titolo originale: Adrenaline
Regia: Anita Assal, Barthélémy Bompard, Philippe Dorison, John Hudson, Jean-Marie Maddeddu, Yann Piquer, Alain Robak
Interpreti: Clémentine Célarié, Franck Baruk, Alain Aithnard, Jimmy Brouté, Arno Chevrier, Gilbert Duprez
Anno: 1990

Una serie di episodi surreali e macabri. Diversi cortometraggi tenuti insieme da un ancor più delirante filo conduttore.

CONTIENE SPOILER

Mentre centinaia di ciechi camminano in fila indiana (non è dato sapere per quale motivo), si susseguono storie e storielle macabre e grottesche. 

 

Eccone qualcuna: una donna viene schiacciata in camera sua dal soffitto che diventa sempre più basso; un uomo in metropolitana ha delle terribili allucinazioni; una vecchia usa il sangue di un gattino per disegnare un cuore su un muro; un'automobile con autista all'interno decide di suicidarsi dirigendosi verso uno sfascia carrozze; un uomo si rende conto di vivere all'interno di una bottiglia; un vecchio scambia il neo di una donna per una mosca; una televisione indemoniata viene esorcizzata da un prete con un'antenna al posto del crocifisso; un uomo finisce in una casa piena di trappole mortali e un altro viene mutilato rifiutandosi di morire; un guardiano notturno deve combattere con una telecamera che si anima.

 

Chissà quanti corti sono stati realizzati prima di approdare al montaggio definitivo. Quasi tutti gli episodi inseriti risultano divertenti, anche se qualcosa non è poi così originale. Quello che accomuna tutte le storie è l'ironia, che a volte sconfina in vera e propria comicità, mentre in altri casi è solo suggerita.

 

I segmenti davvero riusciti sono 3 (la casa con le trappole, l'uomo ossessionato dalle mosche e il tele esorcista che cerca di "guarire" la tv indemoniata ). Gli altri sono poco più che carini e qualcuno, a dirla tutta, risulta decisamente inutile. Ma è il progetto nel suo insieme che è valido, poiché anche quello che non funziona dura poco e lascia spazio a idee più divertenti che arrivano subito dopo.


Un mix di surrealismo, risate e orrore che lascia però un po' di amaro in bocca, non tanto per quello che vediamo ma per quello che invece avremmo potuto vedere, se fossero stati inseriti altri episodi che si dice siano stati scartati in sede di montaggio. Forse non sapremo mai cosa manca, ma quello che abbiamo a disposizione è più che sufficiente per considerare ADRENALINE un piccolo cult dell'underground più assennato.


Da recuperare senza indugio, dedicato soprattutto agli amanti del cinema a episodi e di telefilm tipo Ai Confini Della Realtà.



scritto da: Federico Lazzeri


comments powered by Disqus