a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 123




AL DI LÀ DELL'ORRORE - recensione

Titolo: AL DI LÀ DELL'ORRORE
Titolo originale: Nackte Und Der Satan (Die)
Regia: Victor Trivas
Interpreti: Horst Frank, Karin Kernke, Helmut Schmid, Paul Dahlke, Dieter Eppler, Christiane Maybach
Anno: 1959

Dottori folli e orribili esperimenti: nulla di nuovo in questa produzione tedesca, eppure la storia ha una certa verve e il risultato non è niente male. C'è un medico un po' sfasato che decide di tenere in vita la testa di un famoso chirurgo, tagliata di netto dal resto del corpo. Con l'ausilio di una matassa di fili e di un'apparecchiatura futuribile, l'uomo mantiene vivo il cervello del luminare, ma a che scopo? Il medico, in preda a un vero e proprio delirio d'onnipotenza, è convinto di poter sfidare la morte e di essere in grado di cambiare le regole imposte dalla natura, così pensa di servirsi della testa del chirurgo per avere consigli su un suo folle progetto: vuole trapiantare la testa di una ragazza gobba e storpia nel corpo di una provocante ballerina. L'esperimento riesce, ma ogni azione comporta una reazione e ci sarà un prezzo da pagare...

 

Mica male questo AL DI LÀ DELL'ORRORE. Lo spunto è iperabusato, ma la storia presenta tanti elementi originali e fantasiosi: tanto per cominciare è impossibile non accorgersi di una certà morbosità che pervade la storia e, anche se l'anno di realizzazione della pellicola (1959) non permetteva di mostrare corpi nudi o situazioni titillanti, il tasso di erotismo presente è piuttosto alto; c'è una ballerina ammiccante (ma il massimo del "mostrabile" erano solo le ginocchia) e un legame perverso che unisce il protagonista con la sua creatura.

 

La pellicola si distingue per la bella atmosfera cupa: il laboratorio del dottore ha un discreto fascino e gli attori si muovono in una dimensione spettrale e dannata che li assegna a un destino infausto. AL DI LÀ DELL'ORRORE ha il pregio di non annoiare e di stuzzicare l'attenzione dello spettatore descrivendo bene i personaggi. Produzione a basso costo (e si vede), ma la regia di Victor Trivas è attenta e precisa, così le mancanze che inevitabilmente emergono quando i soldi sono pochi vengono in questo caso abilmente mascherate.

 

Non molto considerato dagli amanti dell'horror, è un film che merita sicuramente una visione e che non deluderà gli appassionati del genere e del cinema bizzarro: AL DI LÀ DELL'ORRORE è in grado di soddisfare gli amanti delle stranezze in celluloide piazzandosi a un livello piuttosto alto. Divertente.



scritto da: Federico Lazzeri


comments powered by Disqus