a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 123




VENOM - recensione

Titolo: VENOM
Titolo originale: Venom
Regia: Jim Gillespie
Interpreti: Agnes Bruckner, Jonathan Jackson, Laura Ramsey, D.J. Cotrona, Rick Cramer, Meagan Good, Bijou Phillips
Anno: 2005

Ciò che colpisce nei film di Gillespie, indipendentemente dalla bontà dell'esito finale, è la costante presenza di una regia decisa aiutata da una valida fotografia. Con VENOM il regista torna per la terza volta nel suo terreno favorito, regalandoci un prodotto sicuramente migliore dei precedenti. Lo splatter è a livelli altissimi, con gambe e corpi infilzati, braccia estirpate a forza, corpi che acquistano la funzione di bambole pregne di sangue in un gioco che richiama il Bava di Reazione A Catena.

 

Jill Gillespie è sempre stato un'interessante promessa, anche se non sempre mantenuta fino in fondo. Come uno studente volenteroso ha dapprima applicato i canoni del genere slasher al suo So Cosa Hai Fatto per poi cercare svolte innovative con il brutto D-Tox. Se il primo film era un onesto clone di Scream, il secondo cercava di fondere i film d'azione (da qui la scelta di un decaduto Sylvester Stallone) con il filone dei massacri alla Venerdì 13, purtroppo con pessimi risultati. Stupisce già al primo impatto la cornice nella quale si svolge la vicenda, una Louisiana terra di folklore e di voodoo, raramente così ben utilizzata come in questa pellicola.

 

Se i giovani personaggi sono gli stessi di tante, troppe serie televisive, con i soliti scontati problemi (una città di provincia troppo stretta, amori destinati a finire ecc.), lo stesso non si può dire del livello di scorrettezza e di crudeltà presente nell'humus del racconto. La storia poi non è banale, con un serial killer zombi che attua una sua personale vendetta contro il perbenismo di una cittadina che emargina i diversi.

 

I colpi di scena sono molteplici e lo spettacolo è assicurato per un film che non delude, in grado di colpire e coinvolgere gli spettatori.



scritto da: Andrea Lanza


comments powered by Disqus