a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 123




ATTACCO ALLA BASE SPAZIALE U.S. - recensione

Titolo: ATTACCO ALLA BASE SPAZIALE U.S.
Titolo originale: Gorg
Regia: Herbert L. Strock
Interpreti: Richard Egan, Constance Dowling, Herbert Marshall, John Wengraf, Valerie Vernon, William Schallert
Anno: 1954

In un laboratorio segreto del New Mexico, scienziati e tecnici americani progettano i prossimi voli spaziali servendosi di "NOVAC", un sofisticato cervello elettronico. Il lavoro è interrotto drammaticamente da una serie di malfunzionamenti che recano ingenti danni alle delicatissime strumentazioni, provocando la morte di alcuni responsabili della base. Qunado anche due robot sperimentali, Gog e Magog, sfuggono al controllo, si fa strada la convinzione di un sabotaggio.

 

Le indagini condotte dall'agente David Sheppard confermano i più cupi sospetti: una potenza straniera, agendo da un super-jet in orbita intorno alla Terra. ha indirizzato alla base onde radio per riprogrammare "NOVAC" e i due robot, con l'intenzione di sconvolgere le ricerche degli americani.

 

Il soggetto è piuttosto originale. Il film riflette perfettamente l'ansia americana durante il clou della Guerra Fredda, mettendo tra l'altro in risalto il ruolo dei robot e del "cervellone centrale" nella ricerca di una vittoria finale´╗┐. All'epoca l'idea di dare un taglio noir a questo genere di fantascienza era decisamente inusuale. Peccato che la sceneggiatura non mantenga le aspettative dell'idea di partenza e finisca per rendere ATTACCO ALLA BASE SPAZIALE U.S. un divertissement ingenuo (incredibile il modo in cui vengono considerati nel finale gli effetti delle radiazioni)´╗┐ con tante idee appena abbozzate. Comunque, almeno l'atmosfera è quella giusta, anche grazie a una scenografia decisamente curata e a un'ottima fotografia.

 

Principalmente per completisti, ma non solo.

 

Dvd italico della Sinister nella media ma con zero extra se si esclude una risicatissima galleria fotografica.

 

Curiosità: NOVAC è l'acronimo di Nucelar Operated Variable Automatic Computer.

 

Curiosità numero 2:  i nomi dei robot Gog e Magog fanno riferimento alle popolazioni selvagge dell'Asia centrale citate nella tradzione biblica quali genti sanguinarie fonti di incombente minaccia.

 

Curiosità numero 3: conosciuto anche con il titolo origianle GOG, venne girato in 3D ma portato sugli schermi nel regolare 2D.



scritto da: Francesco Cortonesi


comments powered by Disqus