Drive In
DIA DE LA BESTIA (EL)DENTIST (THE)DARK MEMORIES / RICORDI TERRIFICANTINUDO E SELVAGGIODINOSAURUS!CREATURA DEGLI ABISSIAMERICAN GOTICHPIANETA FANTASMA (IL)FIGLIO DI FRANKENSTEIN (IL)HALLOWEEN 2RITORNO DELL'UOMO INVISIBILE (IL)HEMOGLOBIN / CREATURE DALL'INFERNOTETSUO 2 / MARTELLO DI CARNEDARKNESSTREDICESIMO PIANO (IL)CHI SEI?


Quinto Potere
AI CONFINI DELLA REALTA'DEAD SETESPUNDER THE DOME


Enoch
MR. TORSOLA NOTTE CHE UCCISI JIM MORRISONSANGUE E PLUSVALOREGROSSO GUAIO IN PAOLO SARPI


Underground
ZOMBIES & CIGARETTESGOCCIA (LA)PICCOLI IMPREVISTIULTIMO FARO (L')


JACK-O'-LANTERN, POGO IL CLOWN o MICHAEL MYERS?

Bentrovati su Oltretomba, stranezze racconti e deliranti riflessioni sulla storia del cinema e della letteratura dell'orrore. E allora eccolo qui un minuscolo frammento dedicato a uno dei più noti film do di Jhon Carpenter

 

 Nel 1978 la Svezia diviene la prima nazione a bandire le bombolette spray il cui contenuto di clorofluorocarburi è il principale imputato del danneggiamento dello strato di ozono protettivo della Terra, la Cina mette al bando Aristotele, Shakespeare, Dickens e la Francia effettua esperimenti nucleari su Mururoa. Il 1978 è anche l’anno in cui per la prima volta in Italia viene trasmesso Atlas Ufo Robot, entra in vigore la iegge sull'interruzione di gravidanza e viene ritrovato il corpo senza vita di Aldo Moro. In quell’anno il cinema slasher è ancora una realtà piuttosto vaga, e Halloween una festività stranamente quasi del tutto ignorata dal cinema dell’orrore.

 

Ma il 1978 è anche l'anno della cattura di Killer Clown, soprannome di John Wayne Gacy, il serial killer colpevole di aver ucciso e sepolto nella sua cantina 33 persone, quasi tutti adolescenti. Per anni, prima della sua cattura, Gacy si era esibito con la maschera da clown per i bambini. Lo aveva fatto sia alle feste in casa che negli ospedali, impersonando un personaggio da lui ideato che andava sotto il nome di Pogo il Clown.

 

Nello stesso anno Jhon Carpenter ha alle sue spalle due titoli, Dark Star (1974) e Distretto 13 – Le brigate della morte (1976), ma il successo, quello vero, tarda ancora a arrivare. HALLOWEEN (che si doveva intitolare The Babysitter Murders) è la grande occasione e Carpenter, con un budget di poco superiore ai trecentomila dollari, riesce a realizzare il suo capolavoro. Da piccolo film indipendente in poco tempo si trasforma in fenomeno d’ispirazione di un intero genere, oltre che punto di partenza per una delle saghe più longeve e sanguinose della storia del cinema. Michael Myers è la morte che cammina, forse l’Anticristo, perfetto per incarnare il Bau Bau di un' America ormai lontana anni luce dal power flower e sempre più terrorizzata dai serial killer. Il successo di HALLOWEEN è decretato anche dai titoli di testa, con JacK-o'-lantern, la zucca, che fissa minacciosa lo spettatore accompagnata da una colonna sonora che è droga pura per l’udito.

 

Jack-o’-lantern, diventa la maschera della maschera di Michael Myers.

 

Perché Jack- o'-lantern è un’icona perfetta e forse un modo per suggerire che dietro la spaventosa e innocua zucca ghignante, simbolo di una delle feste più rappresentative e amate d'America si nasconde un' altra America, quella veramente maligna, fredda, spietata che indossa una maschera a sua volta.

 

Quella di Michael Myers...

 



 





scritto da: Francesco Cortonesi, 28/08/2012


comments powered by Disqus