Drive In
FIGLIO DI FRANKENSTEIN (IL)QUELLA VILLA ACCANTO AL CIMITEROLUPO MANNARO AMERICANO A PARIGI (UN)CHANGELINGDISTRUGGETE FRANKENSTEIN!DEAD SNOWVILLAGGIO DEI DANNATI (IL)VOLO SU MARTE7 PER L'INFINITO CONTRO I MOSTRI SPAZIALIA CLASSIC HORROR STORYNEL TEMPIO DEGLI UOMINI TALPAHO CAMMINATO CON UNO ZOMBIEPARANORMAL ACTIVITY5 CORPI SENZA TESTAZODIACHOSTEL


Quinto Potere
IN THE FLESHREVENANTS (LES)UNDER THE DOMETHE STRAIN


Enoch
RACCONTI, VOLUME 1SPEDIZIONE VERSO IL NIENTEAKUMETSUPASTO NUDO (IL)


Underground
COPERTA (LA)ULTIMO FARO (L')CARILLONZOMBIES & CIGARETTES


Un nuovo Bram Stoker Award per Alessandro Manzetti!

Nel corso della cerimonia che si è tenuta in forma virtuale sabato 18 aprile 2020 alle ore 18 Pacific Standard Time (per l'Italia alle 3 di notte) (qui) sono stati assegnati i Bram Stoker Award 2019.

 

 

Abbiamo due ottime notizie: la prima è che Alessandro Manzetti, già vincitore per la categoria Poetry Collection nel 2015 con la raccolta Eden Underground (e dieci volte nominato) ha vinto un altro Stoker. L'opera premiata quest'anno è The Place of Broken Things, scritta in collaborazione con Linda D. Addison.

La seconda ottima notizia è che il premio della categoria "romanzo" è stato assegnato a Coyote Rage, scritto dall'autore statunitense Owl Goingback ma pubblicato da una casa editrice italiana, la Independent Legions Publishing.

 

 

Filmhorror.com si congratula vivamente con i vincitori e vive questo avvenimento come un segnale molto positivo per l'Horror di casa nostra. Un trionfo che ci conferma nella nostra concezione generale del genere: una categoria artistica che va presa sul serio, che per complessità e potenzialità non ha niente da invidiare al mainstream, allo slipstream o alla fantascienza, per esempio.

A pagare sono stati ancora una volta il duro lavoro, la collaborazione, l'apertura verso le altre culture e verso la modernità; la volontà di uscire dalle vecchie logiche incancrenite del nostro paese, in barba a ogni piagnisteo e a ogni tentativo di strumentalizzare l'Horror ingabbiandolo in ottiche reazionarie o bassamente commerciali. 

Ancora congratulazioni, Alessandro!



scritto da: Andrea Berneschi, 19/04/2020


comments powered by Disqus