Drive In
SILKFINE AGOSTO ALL'HOTEL OZONUOMO SENZA SONNO (L')MY SWEET KILLERCANDYMAN / TERRORE DIETRO LO SPECCHIOMACHINE (THE)FIGLIE DI DRACULA (LE)TERRORE NELLO SPAZIOVAMPIRI DELLO SPAZIO (I)CASA (LA)EXTRASENSORIALHORROR IN BOWERY STREETGRINDHOUSE / A PROVA DI MORTEBOOGEYMAN 2 / IL RITORNO DELL'UOMO NEROMOSTRO DELL'OBITORIO (IL)MATANGO / IL MOSTRO


Quinto Potere
IN THE FLESHESPSOPRAVVISSUTI ( I )REVENANTS (LES)


Enoch
HEADERSANGUE E PLUSVALORESCHIAVI DELL'INFERNOWILLIAM KILLED THE RADIO STAR


Underground
PENSAVI DI ESSERTI LIBERATA DI MESTITCHESHALLWAYBLACK SHADOWS


"L'Uomo Invisibile" (recensione)!

L’uomo invisibile, soggetto tratto dal romanzo letterario di H.G. Wells, ha avuto numerose trasposizioni cinematografiche a partire dal film di James Whale del 1933, dove venne inserito all’interno del ciclo dedicato ai mostri prodotto dalla Universal.

A quasi un secolo di distanza, la stessa Universal ripropone la figura dell’uomo invisibile affidandosi alla Blumhouse, casa cinematografica ormai nota per la realizzazione di horror dal basso budget e (in genere) di buon successo al botteghino.

 

 

La domanda sorge spontanea: come rilanciare l’uomo invisibile? Che cos’è l’uomo invisibile nella società del 2020? Ecco che allora la scelta ricade su una vicenda di stalking aggressivo; a farne le spese è la protagonista Cecilia (Elizabeth Moss) che vediamo all’inizio dell’opera scappare dalla bellissima villa (alla Frank Lloyd Wright) di Adrian (Oliver Jackson-Cohen), un miliardario potente, maniaco del controllo e luminare nel campo dell’ottica. Cecilia trova ospitalità da James (un poliziotto compagno della sorella avvocato) e qui le cose sembrano migliorare specie dopo la notizia della morte dell’ex, ma presto l’incubo ritorna: Adrian non solo non è morto, ma è riuscito a diventare invisibile e continua a perseguitare Cecilia che dovrà ricorrere a tutte le sue forze per uscirne e per convincere le persone attorno a lei di non essere uscita di senno.

 

 

L’uomo invisibile di Leigh Whannel, attore, regista e sceneggiatore che ha collaborato molto con James Wan (si pensi alle saghe di Saw e Insidious), e di cui consigliamo vivamente il film precedente Upgrade, è un’opera ben girata e opportunamente inserita nell’ottica del movimento me too rimarcando le difficoltà a difendersi di una donna soggetta a stalking e a atti di violenza da parte del suo uomo.

Se nell’opera di Whale la donna amata dallo scienziato costituisce una figura più marginale che riesce a tenere a freno le manie omicide dell’uomo, ma non il suo desiderio di grandezza, in quella di Whannel si decide invece di metterla al centro della scena, come protagonista e allo stesso tempo come vittima. La dimensione del conforto sparisce completamente per far spazio a un senso di oppressione e angoscia che percorre tutto il film.

 

 

Interessante poi è la scelta di come acquisire l’invisibilità: non ci sono sieri, non c’è nulla di chimico, ma a farla da padrone è l’ottica: grazie infatti a una tuta dotata di una serie di microtelecamere Adrian riesce a rendersi invisibile creando così un paradosso: le riprese di quelle microtelecamere servono a nascondere il vero e il reale e non a svelare. Un aspetto opposto alla regia di Whannel che tende volutamente a inquadrare spazi apparentemente vuoti all’interno di varie scene a indicare la presenza del “mostro”, anche se noi non vediamo nulla, creandoci una tensione di stampo hitchcockiano.

Anche la scena finale (reazionaria? inevitabile?) che trasuda un certo pessimismo e che può essere punto di discussione, si lega a questo aspetto dell’ottica: sta a James decidere se credere o non credere a quello che vede.

 

 

Per concludere, L’uomo invisibile è sicuramente un’opera interessante non priva di difetti (ad esempio una prima parte abbastanza “telefonata”), che riflette sulla nostra contemporaneità, merita dunque una visione stando attenti a non esaltarla troppo.



scritto da: Paolo Utili, 18/04/2020


comments powered by Disqus