Drive In
BLUE DEMON CONTRA EL PODER SATANICOVENOMX FILES: IL FILMARANCIA MECCANICADOG SOLDIERSTREDICESIMO PIANO (IL)VENERDÌ 13 / JASON VIVEONEECHAMBARA: THE MOVIELEGAME DI SANGUE TUO VIZIO È UNA STANZA CHIUSA E SOLO IO NE HO LA CHIAVE (IL)NEIGHBORPAESE DEL MALE (IL)MACABREDARK MEMORIES / RICORDI TERRIFICANTIFANTASMA DELLO SPAZIO (IL)ALLELUIA


Quinto Potere
AQUARIUSDEAD SETTRUE DETECTIVEAMERICAN HORROR STORY: MURDER HOUSE


Enoch
KILLER DEL GREEN RIVER (IL)LIBRO DEI MORTI VIVENTI (IL)LA NOTTE CHE UCCISI JIM MORRISONNELLE CREPE


Underground
COPERTA (LA)ULTIMO FARO (L')NATURA MORTAHALLWAY


"Il Pianeta Errante" di Antonio Margheriti (recensione)!

Sorta di remake non ufficializzato (ma confermato in numerose interviste dallo stesso Margheriti), de Il Pianeta degli Uomini Spenti. Il budget è però curiosamente inferiore. 

 


L’idea di partenza è ottima ed è buono anche lo sviluppo della trama: La Terra, scombussolata da terremoti e uragani, rischia di essere investita da un asteroide proveniente da una remota galassia. L’unica possibilità è quella di mettersi immediatamente in azione e cercare di distruggere il “pianeta errante”. Un'astronave parte alla volta del corpo celeste per distruggerlo prima dell’impatto fatale, ma scopre che il pianeta è in realtà una massa vivente, una forma di vita aliena simile a un enorme cervello. I tentativi di neutralizzarlo non vanno a buon fine perché le articolazioni nervose, quando amputate, si autorigenerano. Non resta che utilizzare una bomba di antimateria.  Ma qualcuno si deve sacrificare.

 


Il film fa parte della quadrilogia Gamma 1 e negli Stati Uniti, uscito alcuni anni dopo, ha avuto una discreta accoglienza da parte del pubblico. Lo stesso non è avvenuto in Italia, dove spesso viene, tutt’oggi, considerato il più debole dei film di fantascienza di Margheriti. Come al solito venne girato con una povertà di mezzi e di tempo assoluta (i film della quadrilogia furono girati tutti in tre mesi) ma con grande fantasia e genio visionario. 

 


Se i primi quaranta minuti risultano decisamente noiosi (quasi interamente ambientati all’interno di stanze della base terrestre e corredati da inutili dialoghi oltre che da una antipatia notevole di Giacomo Rossi Stuart), una volta decollata l’astronave alla volta del Pianeta Errante, si assiste a una bella accelerazione del ritmo e della visionarietà. Definire le scene finali “lisergiche” non è assolutamente un azzardo. 

 


Anche per chi scrive, Il Pianeta Errante non è il miglior lavoro di Anthony M. Dawson (per chi non lo sapesse, è lo pseudonimo di Margheriti) ma se siete fan della fantascienza italiana del tempo che fu, il gioco senza dubbio vale ampiamente la candela.  

 


Curiosità numero 1: L’ aiuto regista di Margheriti per questo film - che è stato distribuito dalla Titanus - è Ruggero Deodato.


Curiosità numero 2: Il film in Italia è stato distribuito nelle sale dal 29 luglio 1966. Negli Stati Uniti è stato distribuito solo nel 1971, col titolo War Between The Planets

Curiosità numero 3: è considerato il primo vero precursore di una trama che sarebbe andata di moda molti anni dopo, trovando in Armageddon il blockbuster più noto. 



scritto da: Francesco Cortonesi, 16/07/2019


comments powered by Disqus