Drive In
SHEITANTRE VOLTI DELLA PAURA (I)ARGONAUTI (GLI)MATANGO / IL MOSTROSPINA DEL DIAVOLO (LA)DISTRUGGETE FRANKENSTEIN!BAD PINOCCHIOMOSTRO MAGNETICO (IL)DARKNESS1408GRUDGE 2 (THE)DOLLS / BAMBOLENOTTE DELLA LUNGA PAURA (LA)SAW 4 / IL GIOCO CONTINUAPITCH BLACKMALEVOLENCE


Quinto Potere
THE STRAININTO THE NIGHTBEM: IL MOSTRO UMANOREVENANTS (LES)


Enoch
CONTAGIOAPOCALYPSEIN LONTANANZA, UN BATTITO DI ALI NEREKILLER DEL GREEN RIVER (IL)


Underground
PENSAVI DI ESSERTI LIBERATA DI MEBLACK SHADOWSGOCCIA (LA)RISVEGLI


Alessandro Forlani inaugura la collana Heroic Fantasy Italia!

La scure e i sepolcri di Alessandro Forlani, già ordinabile dallo store della casa editrice Delos (qui), è il primo volume della collana Heroic Fantasy Italia.

 


"Non ci sono tenebre tanto fitte che un'ascia ben affilata non possa tagliare in due." 


Thanatolia: il continente-necropoli dove la negromanzia è legge e i cui sepolcri custodiscono favolosi tesori. Malqvist, valoroso guerriero ridotto a tombarolo, leale, sfortunato, diffidente di qualsiasi forma di magia, si trova a misurarsi con entità aliene, demoni, mostri antropofagi e subdoli stregoni. Attorno a lui una folla di personaggi, mercanti senza scrupoli, cinici avventurieri, fanciulle in pericolo ma soprattutto pericolose, combattenti abbrutiti e prostitute generose, che Alessandro Forlani ritrae, vividi e indimenticabili, con la sua prosa fantasiosa e inventiva.
La Scure e i Sepolcri fa parte delle Crypt Marauders Chronicles: un progetto di narrativa sword & sorcery ideato da Alessandro Forlani e Lorenzo Davia cui hanno aderito molti autori italiani.

 


La collana, a cura di Alessandro Iascy e Giorgio Smoiver, proporrà romanzi brevi o antologie di racconti di fantasia eroica e sword and sorcery scritti da alcuni tra i migliori autori del fantastico italiano.
Le copertine, che nello stile omaggiano il grande Mike Mignola, saranno realizzate dal bravissimo Gino Andrea Carosini.

 

 

Fonte: Heroic Fantasy Italia



scritto da: Andrea Berneschi, 15/03/2019


comments powered by Disqus