Drive In
EXORCISMO NEGRO SOSPIRIMORTE HA SORRISO ALL'ASSASSINO (LA)MORTE NEGLI OCCHI DEL GATTO (LA)TERRORE DI LONDRA (IL)INFERNONURSIEHALLOWEEN KILLERTRILOGIA DEL TERRORETERRORE DELLA SESTA LUNA (IL)HAMILTONS (THE)GRAVITYKINGDOM  / IL REGNO (THE)TERROR! IL CASTELLO DELLE DONNE MALEDETTECHE FINE HA FATTO BABY JANE?UCCELLO DALLE PIUME DI CRISTALLO (L')


Quinto Potere
THE FOLLOWINGTRUE DETECTIVEINTO THE NIGHTDEAD SET


Enoch
CANNIBAL CORPSE M/CMALEDIZIONE FATALEGALILEEL'ISTITUTO


Underground
PORCELAIN RISINGNATURA MORTARANCORE FATALEDESKTOP


Mike Flanagan dirigerà "Doctor Sleep"?

Chiudiamo il 2017 con una notizia davvero buona: Mike Flanagan, regista dell'ottimo Il Gioco di Gerald (ma non dimentichiamoci anche il precedente Oculus) ha dichiarato in una recente intervista che vorrebbe dirigere il film tratto da un altro romanzo kinghiano, Doctor Sleep.

 

 

Doctor Sleep è uscito nel 2013 (in Italia l'anno seguente); la prima cosa da dire è che si tratta di una specie di seguito a Shining.

Il protagonista è Dan Torrance, che ai tempi dell'Overlook Hotel aveva cinque anni, e oggi è sulla quarantina. Come accade a molti bambini prodigio ha fatto una fine tutt’altro che gloriosa, diventando schiavo della bottiglia e trovando conforto in un gruppo di Alcolisti Anonimi; usa quello che rimane dei suoi poteri per alleviare le sofferenze dei morenti nell’ospizio in cui lavora. Oltre che coi suoi traumatici ricordi, Dan deve fare i conti con un potente nemico. C’è una sorta di tribù nomade chiamata Il Vero Nodo che si sposta su camper e roulotte per le strade dell’America; i suoi membri si nutrono delle sofferenze dei bambini dotati di facoltà paranormali, che catturano e torturano a morte...

 

 

Che dire? Con Il Gioco di Gerald, un romanzo che era ritenuto pressoché infilmabile, Flanagan ha superato una sfida davvero ardua; siamo sicuri che Doctor Sleep nelle sue mani sia al sicuro. Speriamo davvero che il progetto vada in porto.

 

 

Fonte: slashfilm.com



scritto da: El Muerto, 30/12/2017


comments powered by Disqus