Drive In
MOSTRO DEI MARI (IL)BEYOND RE - ANIMATORMORTE A 33 GIRINIGHTMARE DETECTIVENIGHTMAREMANTIDE OMICIDA (LA)TRE PASSI NEL DELIRIOMACABRECHE FINE HA FATTO BABY JANE?DAGON / LA MUTAZIONE DEL MALEHOSTEL 2ANATOMYPOSSESSION (THE)FEAR OF RAINNASCONDIGLIO (IL)KINGDOM OF THE SPIDERS


Quinto Potere
ESPCONSTANTINEAI CONFINI DELLA REALTA'DEAD SET


Enoch
INCUBO DI HILL HOUSE (L')CISTERNA (LA)HELLBLAZER: CITTA' DEI DEMONITHE WALKING DEAD


Underground
PICCOLI IMPREVISTINATURA MORTADESKTOPHARD TO CONCENTRATE


Sempre più fantasy, sempre più horror, sempre più Dampyr!

Settembre: tempo di ripartire con news e recensioni!

Cominciamo con un fumetto bonelliano di alta qualità che la nostra webzine ha segnalato più volte nel corso degli anni. Trattasi di Dampyr, il mezzo-vampiro creato nel lontano 1997 (ma il primo numero uscì nel 2000) da Mauro Boselli e Maurizio Colombo.

 

 

Nel numero attualmente in edicola (il 198, intitolato "Lyonesse") comincia una doppia avventura che si concluderà il prossimo mese (199: "Il Lord delle isole") ambientata nella Gran Bretagna medievale, ai tempi di Re Artù... eh già, perché i Maestri della notte vivono per millenni, e le vicende delle loro rivalità si intrecciano a quelle della storia di noi uomini. Alcuni sedicenti puristi hanno cominciato a storcere il naso, presi dal sospetto che la testata voglia cavalcare il successo di prodotti come Game of Thrones... Niente di più sbagliato! E' almeno dal n. 43 (uscito nel 2003) che ambientazioni di questo tipo appaiono nella serie, rivelandosi nel corso degli anni sempre più importanti per la risoluzione dei misteri più grandi che Harlan Draka deve ancora risolvere. Per togliersi ogni dubbio basta leggere i fumetti in questione, e vi assicuriamo che ne vale davvero la pena. Con Boselli andiamo sul sicuro: alla base delle sue storie ci sono sempre idee originali, precise ricerche d'archivio, una conoscenza a dir poco inumana dei generi horror e fantasy in tutte le loro sfaccettature (Sia detto tra parentesi: è proprio grazie a lui se chi scrive ha scoperto il genio di Michael Moorcock, e probabilmente finirà per appassionarsi alle leggende arturiane).

 

 

Cosa resta da dire, dunque? Buona lettura!

 

 

Fonte: Sergio Bonelli Editore



scritto da: El Muerto, 02/09/2016


comments powered by Disqus