Drive In
FIDOPIANETA ERRANTE (IL)FREAKYDARK CITYWAMPYRJU ONMURDER OBSESSION / FOLLIA OMICIDAP2: LIVELLO DEL TERROREIN CORSA CON IL DIAVOLOBASE LUNA CHIAMA TERRAVAMPIRI DELLO SPAZIO (I)PENSIONE PAURAINCUBO IN CORSIASTATI DI ALLUCINAZIONECALTIKI IL MOSTRO IMMORTALESEDIA A ROTELLE (LA)


Quinto Potere
DEAD SETDEXTERINTO THE NIGHTSOPRAVVISSUTI ( I )


Enoch
RAGAZZE VIVEIMAGICACISTERNA (LA)SPLATTERPUNK FIGHTING BACK


Underground
DEAD GIRL WALKINGPENSAVI DI ESSERTI LIBERATA DI MEDUMMY (THE)STITCHES


I morti sognano: NECRONIRICON del nostro ANDREA BERNESCHI (recensione)!

In Necroniricon, la raccolta di racconti di Andrea Berneschi, una prosa scorrevole disegna con abili pennellate atmosfere tutte italiane in cui si svolgono vicende inquietanti e surreali. I protagonisti dei racconti (bambini zombie, alieni, stregoni dell'antica Germania, lavoratori non-morti, protozoi dotati di parola, barbari medievali, social network assassini, cyborg, cannibali e molti altri ancora) aprono ad una dimensione morale alternativa; possiamo cioè vedere il mondo con gli occhi dei mostri e affacciarci su una realtà ribaltata, la quale, benché opposta alla nostra, presenta tutti i drammi dell'esistenza umana.  

 

 

Temi non facili da affrontare come la lotta di classe, le libertà individuali o l'eugenetica si accompagnano a un'esplorazione più soggettiva della vita umana, ad argomenti come l' invecchiamento del corpo e dell' anima. C'è poi il tema della disgregazione della cultura contadina e della famiglia, che per l'autore sembrano essere legate, e che hanno un ruolo di primo piano nella narrazione di alcuni racconti come Terrore in Valdichiana e I Devitalizzati.  

E' presente anche il genere weird, che incontra il fantasy in Limes e diventa fantascienza nella società distopica de La velocita del denaro.  

 

 

Necroniricon non è solo una raccolta di racconti dell'orrore, è lo specchio deformante attraverso il quale possiamo riconoscerci e comprendere i nostri difetti di uomini e di italiani, vittime delle grandi trasformazioni in atto nel corso di questi ultimi decenni. 



scritto da: SEBASTIANO LAZZERI, 21/03/2016


comments powered by Disqus