Drive In
BABADOOK (THE)GRUDGE 2 (THE)DISTRUGGETE FRANKENSTEIN!PSYCHO GOREMANP2: LIVELLO DEL TERROREMANICHINO ASSASSINO (IL)MASCHERA DI CERA (LA)-2 - LIVELLO DEL TERRORETURBO KIDCANNIBAL HOLOCAUSTBLU PROFONDOCENTIPEDE HORRORBACIO DELLA TARANTOLA (IL)QUARTO TIPO (IL)DEAD SNOWAMAZING TRANSPARENT MAN (THE)


Quinto Potere
TRUE DETECTIVEAI CONFINI DELLA REALTA'BEM: IL MOSTRO UMANOAL NUOVO GUSTO DI CILIEGIA


Enoch
LUNGA MARCIA (LA)LIBRO DEI MORTI VIVENTI (IL)DEVIL INSIDECULTI SVEDESI


Underground
NATURA MORTALOST IN FORESTULTIMO FARO (L')PENSAVI DI ESSERTI LIBERATA DI ME


Quali sono i dieci migliori horror del 2014?

Fine di Dicembre:  arriva puntuale il tempo delle classifiche.  Non sempre è facile, e spesso è anche inutile, incasellare film, libri e dischi secondo un ordine di qualità;  questo discorso secondo noi vale ancora di più per l'horror, genere quanto mai sfaccettato e complesso.

Se dobbiamo indicare dieci titoli, preferiamo siano quelli "da tenere d'occhio", o perché hanno fatto parlare di sé o perché ci sono piaciuti;  ogni valutazione sarà solo soggettiva.  Ecco dunque la nostra lista, in ordine alfabetico:

 

 

 

 

The Babadook di Jennifer Kent:  non è l'ennesima variazione sul tema del Polanskiano Repulsion, ma un film del tutto originale, disturbante e con un finale da dieci e lode.

Big bad wolves di Aaron Keshales e Navot Papushado:  violento, pieno di humor, girato benissimo.

Clown di Jon Watts:  veramente inquietante, anche per i non coulrofobici.

Horns di Alexandre Aja:  a renderlo apprezzabile basterebbe l'idea di partenza, del tutto weird e inedita. 

The Green Inferno di Eli Roth (distribuito il 5 Settembre 2014): non l'abbiamo ancora visto, ma l'omaggio del regista di Hostel (che torna dopo 6 anni di assenza dietro la macchina da presa) al cinema di Deodato è assolutamente da non perdere.

Godzilla di Gareth Edwards:  emozionante e onesto tributo al lucertolone preistorico, ha innegabilmente qualche difetto ma la sua qualità lo fa spiccare tra tutti gli altri remake. 

Oculus di Mike Flanagan: un horror come ne facevano una volta, di quelli che non ci stanchiamo mai di apprezzare.

Only lovers left alive di Jim Jarmush: è già un cult. 

The Sacrament di Ti West:  interessante horror sociologico in forma di mockumentary.

Under the skin di Jonathan Glazer.  E' vero che è del 2013, ma è stato distibuito nel corso di quest'anno!  Affascinante e originale.

 

E con questo, buone feste a tutti!



scritto da: EL MUERTO, 23/12/2014


comments powered by Disqus