Drive In
OASIS OF THE ZOMBIESCHI L'HA VISTA MORIRE?LUNGHI CAPELLI DELLA MORTE (I)SETTA DEGLI IMMORTALI (LA)BASE LUNA CHIAMA TERRAMAD MAX: FURY ROADTHESE FINAL HOURSCHIAMATA DA UNO SCONOSCIUTOSPETTRO (LO)WITCH (THE)HAMILTONS (THE)ALMOST BLUEBONE TOMAHAWKDRACULA CONTRO FRANKENSTEINRITORNO DELL'UOMO INVISIBILE (IL)NIGHTMARE


Quinto Potere
HAMMER HOUSE OF HORRORAL NUOVO GUSTO DI CILIEGIAINTO THE NIGHTDEXTER


Enoch
MR. TORSOKILLER DEL GREEN RIVER (IL)IN LONTANANZA, UN BATTITO DI ALI NEREIZOMBIE


Underground
DESKTOPPICCOLI IMPREVISTIPRESENZEHARD TO CONCENTRATE


Finalmente un'idea originale: THE TAKING OF DEBORAH LOGAN!

"Non sta perdendo la ragione... c'è Qualcosa che gliela sta portando via!"

Così recita lo slogan promozionale per THE TAKING OF DEBORAH LOGAN, film diretto da Adam Robitel e prodotto dagli stessi che si occuparono di X-Men e Trick'r'Treat.

 

 

Lo spunto di partenza è (cosa sempre più rara, purtroppo, nel cinema horror) originale e inquietante: una ragazza sceglie di fare la tesi di laurea sul morbo di Alzheimer, e di filmare per molti giorni di seguito il deterioramento mentale e fisico di una paziente.

Le immagini del documentario, però, mostrano qualcosa di abnorme e di sconosciuto alla medicina.  

Mescolare l'orrore vero all'orrore di celluloide è un'impresa rischiosa, che non sempre porta a risultati eccellenti, ma speriamo che questa volta il regista abbia fatto centro.  Il trailer promette molto bene.

Il film è stato classificato "rated R" per la presenza di contenuti violenti, linguaggio osceno e di qualche scena di nudo.  

 

 

Fonte:  Dread central



scritto da: EL MUERTO, 23/10/2014


comments powered by Disqus