Drive In
UNSAID / SOTTO SILENZIO (THE)NON PRENDETE QUEL METRÒSLITHERPOLTERGEIST / DEMONIACHE PRESENZEBEHIND THE MASK / VITA DI UN SERIAL KILLERSINNER (THE)ANTROPOPHAGUSSCANNERSCAPTIVITYSLAUGHTERED VOMIT DOLLSOCCHI DI CRISTALLOCURSE  / LA FATTORIA MALEDETTA (THE)A 30 MILIONI DI KM DALLA TERRAP2: LIVELLO DEL TERROREE VENNE IL GIORNOMAD MAX: FURY ROAD


Quinto Potere
TRUE DETECTIVEAMERICAN HORROR STORY: MURDER HOUSEHAMMER HOUSE OF HORRORUNDER THE DOME


Enoch
MONSTER PLANETCISTERNA (LA)SANGUE E PLUSVALORESPEDIZIONE VERSO IL NIENTE


Underground
COPERTA (LA)ULTIMO FARO (L')ZOMBIES & CIGARETTESRISVEGLI


SPAZIO PROFONDO: il nuovo corso di Dylan Dog è iniziato!

Lo abbiamo atteso per più di un anno e finalmente ci siamo. Da qualche giorno è in edicola SPAZIO PROFONDO, il Dylan Dog numero 337 che decreta l'ufficiale inizio del nuovo corso dell'indagatore dell'incubo. La gestione del rinnovamento è stata affidata a Roberto Recchioni dallo stesso Tiziano Sclavi e a giudicare da questo numero la scelta si preannuncia vincente.

 

Si, SPAZIO PROFONDO, ci è piaciuto e soprattutto ci ha fatto intuire una strada interessante tracciata per il futuro.  La storia dello stesso Recchioni è decisamente spiazzante (in gran parte si svolge a bordo di un astronave nell'anno 2427) e ci ricorda vecchi indimenticabili numeri onirici tipo Storia di Nessuno.

 

In realtà Recchioni segue strade già ampiamente battute nello strutturare la sua storia, ma lo fa con intelligenza e senza che il senso di deja vu emerga in modo fastidioso.

 

A supporto ci sono le splendide tavole di Nicola Mari che, grazie anche ai colori di Lorenzo De Felici, rendono perfettamente l'atmosfera horror-fantascientifica di questo numero.

 

Insomma, per quel che conta, pollice alto della Filmhorror. Finalmente la creatività sembra essere tornata di casa a Craven Road numero 7 e ci auguriamo che si prosegua in questa direzione. Di più non vogliamo aggiungere, vi consigliamo soltanto di fare un salto in edicola e di leggere SPAZIO PROFONDO senza farvi troppo condizionare dal "nostalgico" che alberga in tutti noi.

 

Ben tornato Dylan Dog!

 

 



scritto da: Conte Alucard, 02/10/2014


comments powered by Disqus