Drive In
MAD MAX: FURY ROADCARTE IN TAVOLA (LE)HALLOWEEN KILLERCYCLONEFROM BEYOND / TERRORE DALL'IGNOTOBAD PINOCCHIODEATH TUNNEL / LA MALEDIZIONETERRORE  DI FRANKENSTEIN (IL)CENTIPEDE HORRORBLOB / FLUIDO MORTALEFIUME DEL GRANDE CAIMANO (IL)IO SONO LEGGENDAREPLICANTE (IL)FANTASMA DELLO SPAZIO (IL)BLACK HORROR / LE MESSE NERENECROPHAGUS


Quinto Potere
CONSTANTINETRUE DETECTIVEBEM: IL MOSTRO UMANOESP


Enoch
CONTAGIOTERRA DI MORTETORTUGAMR. TORSO


Underground
GROUND FLOORPRESENZEPENSAVI DI ESSERTI LIBERATA DI MEPICCOLI IMPREVISTI


A QUALCUNO PIACE L'HORROR: IL CINEMA DELLA HAMMER FILMS, in libreria!

Udite, udite, arriva in libreria uno di quei tomi che davvero ci fa venir voglia di non indugiare neppure un minuto sperando di non dover attendere le purtroppo spesso frequenti lentezze della distribuzione. Stefano Leonforte, in A QUALCUNO PIACE L'HORROR analizza infatti tutte le opere della Hammer films cercando di dare un aiuto esaustivo agli appassionati della celebre casa inglese che vogliono conoscere l'intera vairega produzione  e correnda il tutto con bellissime illustraizoni che già da sole valgono il prezzo del biglietto.

 

Il libro, edito dai tipi della Edizioni Leima costa 30 euro ed è di 272 pagine.

Quella che segue è la sinossi:

 

Il mito, in questo caso, ha un solo nome: Hammer Films. Nata alla fine degli anni Quaranta, la casa cinematografica inglese diventa in breve tempo regina del genere horror e fantastico, facendo rivivere sul grande schermo gli incubi della letteratura gotica.


A qualcuno piace l’horror racconta l’avventura della Hammer Films lungo i sentieri della settima arte, un percorso che dura fino ai giorni nostri e che non esclude “invasioni di campo” in generi differenti, come il film di guerra, d’avventura e noir.


Il saggio, firmato da Stefano Leonforte, corredato dalle schede film di tutte le pellicole targate Hammer e da interessanti illustrazioni, è un compendio essenziale per gli amanti del cinema internazionale e per i curiosi del genere.

 

Fonte: Edizioni Leima



scritto da: Cone Alucard, 22/06/2014


comments powered by Disqus