Drive In
SOCIETY / THE HORRORSAW 3 / L'ENIGMA SENZA FINEMORTE HA SORRISO ALL'ASSASSINO (LA)CASA SPERDUTA NEL PARCO (LA)EOLOMEA / LA SIRENA DELLE STELLERADICE DEL MALE (LA)1975: OCCHI BIANCHI SUL PIANETA TERRACYCLONEE TU VIVRAI NEL TERRORE! / L'ALDILÀPARANORMAL ACTIVITYNECROPHAGUSSILENT HILL: REVELATION 3DFOREST OF THE DAMNEDQUEL MOTEL VICINO ALLA PALUDESTATI DI ALLUCINAZIONESILK


Quinto Potere
TRUE DETECTIVEIN THE FLESHAMERICAN HORROR STORY: MURDER HOUSEHAMMER HOUSE OF HORROR


Enoch
HEADERCULTI SVEDESIIO VENIA PIEN D'ANGOSCIA A RIMIRARTICATENE DI EYMERICH (LE)


Underground
GOCCIA (LA)DUMMY (THE)NATURA MORTACARILLON


HELLBLAZER: CITTA' DEI DEMONI (RECENSIONE): John Constantine salverà Londra!

John Constantine, l’indagatore dell’incubo, ha la magia nel sangue. Letteralmente. Nelle sue vene scorre sangue di demone. La cosa non gli provoca nessun problema, John beve, fuma e vive la sua vita come sempre.

 

Un incidente stradale però gli farà cambiare idea sul potere contenuto nel suo sangue. Trasportato d’urgenza in ospedale, due medici si accorgono delle bizzarre proprietà dei suoi globuli rossi e decidono di infettare diversi pazienti per poterne osservare gli effetti.

 

In poco tempo, per le strade di Londra, cominciano ad accadere atti di violenza apparentemente senza causa. Uscito dall’ospedale, John decide di fermare la scia di sangue che macchiando la città.

 

Malgrado una premessa interessante, un protagonista sempre intrigante e una Londra da incubo disegnata da Sean Murphy, questa graphic novel presa da HELLBLAZER si rivela presto essere molto fumo e poco arrosto.

 

Il problema maggiore sta nello sviluppo della trama, incredibilmente lineare, poco grintosa e quasi priva di mordente nonostante, come già detto, un’idea di partenza che promette grandi cose.

 

Lo scrittore, Si Spencer, già autore di alcune brevi serie underground, riempie la storia principalemente di banali situazioni orrifiche, alternadole a tre o quattro spunti inusuali che per fortuna riescono a lasciare il segno. Constantine che parla all’ospedale con i fantasmi di alcuni pazienti defunti o un gruppo di passeggeri che cerca di difendersi da un maniaco sull’autobus, sono tra questi.

 

Ma il succo della trama, il punto focale, una città che dovrebbe essere nella morsa del terrore, non risulta mai veramente credibile. Anche la risoluzione, con una svolta finale poco interessante e che aggiunge poco, non aiuta.

 

Chi fa il grosso del lavoro invece è il disegnatore Sean Murphy, che mette a disposizione il suo notevole talento visivo e grafico per creare un’atmosfera malsana e infetta che striscia in una Londra inquietante. Sia le scene di quiete che quelle di caos sono perfettamente inquadrate dall’artista, che regala grandi tavole spaventose e che disegna Constantine sempre splendidamente.

 

 

HELLBLAZER: CITTA' DEI DEMONI è in definitiva una graphic novel molto debole soprattutto se confrontata a molte altre che sono nate dalla serie di Hellblazer. Spencer ha buone idee ma non riesce a svilupparle a dovere, lasciando ai disegni di Murphy il timone per evitare il naufragio.



scritto da: Matteo Moretti, 30/05/2014


comments powered by Disqus