Drive In
CYCLONEBLOODRAYNEVIOLENTO WEEK END DI TERRORE (UN)HORDE (THE)MACHINE (THE)PLAN 9 FROM OUTER SPACECHANGELINGULTIMO ESORCISMO (L')BUIO MACCHIATO DI ROSSO (IL)FINE AGOSTO ALL'HOTEL OZONCASA DEL DIAVOLO (LA)A VENEZIA... UN DICEMBRE ROSSO SHOCKINGTODESKING (DER)ARGONAUTI (GLI)PULSEGUERRA TRA I PIANETI


Quinto Potere
REVENANTS (LES)DEXTERAI CONFINI DELLA REALTA'TRUE DETECTIVE


Enoch
AL CREPUSCOLOAPOCALYPSECONTAGIOSCHIAVI DELL'INFERNO


Underground
RANCORE FATALEDEAD GIRL WALKINGGROUND FLOORLOST IN FOREST


DYLAN DOG: il fan film di Domiziano Cristopharo e Andrea Cavaletto in arrivo...

Si, la notizia è sicuramente sorprendente, soprattutto se si considera la passione per il cinema estremo di Domiziano Cristopharo, che sembra piuttosto lontano dalle atmosfere di DYLAN DOG. Eppure, in preda a una furia creativa ormai da tempo, il regista romano mette sul piatto anche un film sull' Indagatore dell' Incubo.

 

Alla scenggiatura, manco a dirlo ci sarà Andrea Cavaletto, sceneggiatore del fumetto di punta di casa Bonelli e fidato collaboratore di Cristopharo.

 

Non è ancora ben chiaro se il progetto, che parte da un'idea di Andrea Cavaletto e che è ispirato per atmosfere a La Casa degli Uomini Perduti, resterà un corto o si trasformerà in un lungometraggio, ma quel che è certo è che ha già scatenato la curiosità dei fan e non solo. 

 

Per adesso ci sono in circolazione solo alcune indiscrezioni raccolte in un'intervista fatta dai tipi di Cinema Italiano Database. A quanto pare non ci sarà Bloch, non ci sarà Groucho, ma solo ed esclusivamente Dylan interpretato da Stefano Cassetti. Anzi no, ci sarà infatti anche Vivien interpretata da Veronica Gentili.

 

Progetto davvero interessante quindi su cui naturalmente torneremo nei giorni a venire. Nell'attesa di news a riguardo vi lasciamo con l'intervista di Cristopharo e Cavaletto sul sito Cinema Italiano Database che potrete leggere cliccando nella fonte.

 

Fonte: intervista Cristopharo & Cavaletto.

 

 



scritto da: Conte Alucard, 21/05/2014


comments powered by Disqus