Drive In
WRONG TURN 4 / LA MONTAGNA DEI FOLLILIFE AFTER BETHTORTURER (THE)HEMOGLOBIN / CREATURE DALL'INFERNOLASCIAMI ENTRAREBACIO DELLA TARANTOLA (IL)CASTELLO DEI MORTI VIVI (IL)HALLOWEEN / THE BEGINNINGMOSTRO DEI MARI (IL)METEORA INFERNALE (LA) KING KONG 2INSEMINOID / UN TEMPO NEL FUTUROAMERICAN GOTICHCRITTERS / GLI EXTRARODITORIUNDER THE SILVER LAKEPRESENZE INVISIBILI


Quinto Potere
AQUARIUSBEM: IL MOSTRO UMANOHAMMER HOUSE OF HORRORAI CONFINI DELLA REALTA'


Enoch
OMBRE E SANGUECONTAGIOSCHIAVI DELL'INFERNOLA NOTTE CHE UCCISI JIM MORRISON


Underground
BLACK SHADOWSHALLWAYDESKTOPLOST IN FOREST


ROOM 237: Tutti i misteri di Shining!

Mentre è di questi giorni la notizia che sua maestà Stephen King ha ufficialmente bocciato l'idea di un prequel di Shining, noi ci occupiamo di un documentario che riguardo al film di Kubrick ha da dire la sua!  Eh si, ROOM 237 è probabilmente il documentario più atteso in questo momento dagli appassionati del cinema dell'orrore, vuoi perché Shining è per molti un po' come The Dark Side Of The Moon dei Pink Floyd, in grado cioé di resistere da ormai più di trent'anni nella loro personale classifica degli horror più belli di sempre, vuoi perché Shining, oltre che un capolavoro, è anche forse l'horror più misterioso che sia mai stato realizzato.

 

Girato da Rodney Ascher, selezionato per il Sundance del 2011 e presentato quest'anno al festival di Cannes, ROOM 237 analizza tutti i misteri (per altro già noti da anni!) che costellano la pellicola di Kubrick. Il documentario, di fatto è una sorta di video analisi comparata, visto che sostanzialmente utilizza quasi esclusivamente le scene originali del film di Kubrick (replicate, rallentate, viste al contrario, smontate) accompagnate dal racconto fuori campo di cinque uomini che spiegano le loro teorie interpretative, tenendo presente che non necessariamente una esclude l'altra.

 

Secondo il reporter Bill Blakemore si tratterebbe di un film sul genocidio degli indiani d’America, per un altro intervistato racconterebbe invece l’Olocausto, per un altro ancora nasconderebbe una confessione dello stesso Kubrick sul falso allunaggio dell’Apollo 11. In ogni caso il Nostro avrebbe fatto il film con la chiara intenzione di fare una denuncia sociale delle tematiche che gli stavano a cuore. Ci sarà del vero? Mistero!

 

Ascher comunque lo si vede solo nel finale, quando chiede quello che da anni gli scettici si chiedono: "Perché mai Kubrick avrebbe dovuto occultare simboli tanto misteriosi nel film?" La risposta è vaga e non ve l'anticipiamo.

 

Per tornare al punto, le curiosità sul film tratto da uno dei più amati romanzi di King sono tante e a quanto pare almeno tre sono le interpretazioni più accreditate: la più celebre, dicevamo, è senza dubbio quella del falso allunaggio dell'Apollo 11 adorata dai complottisti. Shining non sarebbe altro che la confessione dello stesso Kubrick riguardo al fatto di aver girato lui, in studio, l’allunaggio del 1969 su incarico del governo americano. Le continue liti tra Jack Torrance e la moglie sarebbero semplicemente le giustificazioni sul motivo dell’obbedienza agli ordini del governo. Riguardo invece alla stanza 237, beh in realtà quella sarebbe la stanza della luna e la moquette del pavimento riprenderebbe la geometria della base da cui è partito l’Apollo 11.

 

Più credibile risulta forse la teoria che vorrebbe Shining come un film sull'Olocausto: Nicholson in effetti utilizza una macchina da scrivere tedesca e in una scena in cui è vestito in smoking comparirebbe un uomo con i baffetti. Inutile dirvi chi rappresenterebbe. Infine la Seconda Guerra Mondiale sarebbe costantemente presente nel numero 42, cifra ricorrente nel film.

 

Per quanto riguarda il genocidio degli indiani d'America beh, diciamo che gli indizi sono un po' quello che sono: l’Overlook Hotel  sarebbe stato ricostruito su un cimitero indiano e una delle prove per quanto riguarda la teoria sarebbe il fatto che le lattine di cibo nella cella frigorifera in cui Jack Nicholson si trova chiuso, riportano sull’etichetta un indiano e la scritta “Calumet”! O almeno così si dice. Un po' pochino in ogni caso.

 

Quel che è certo comunque è che i particolari che a quanto pare non tornano nel film sono tanti e che molti sono coloro che non li ritengono assolutamente casuali.

Vero o falso che sia, l'idea alla base di ROOM 237 è davvero notevole. Complimenti a Rodney Ascher!

 

Il film è ancora in giro per i Festival e questo mese sarà proiettato a New York. Nessuna news invece per quanto rigarda la distrubuzione in dvd.

 

Nell'attesa guardatevi il curioso trailer cliccando sula fonte....

 

FONTE : Room 237 Trailer



scritto da: La Redazione, 09/02/2013


comments powered by Disqus