Drive In
CASA DEGLI USHER (LA)AMERICAN CRIMEDOOMDONNA LUPO DI LONDRA (LA)PENSIONE PAURABEAUTY FULL BEASTQUEL MOTEL VICINO ALLA PALUDEDARK WATERARANCIA MECCANICAZODIACAUDITIONSAW 3 / L'ENIGMA SENZA FINEPULSESCANNATI VIVICINQUE CHIAVI DEL TERRORE (LE)UNDER THE SILVER LAKE


Quinto Potere
AMERICAN HORROR STORY: MURDER HOUSECONSTANTINEDEAD SETESP


Enoch
IO VENIA PIEN D'ANGOSCIA A RIMIRARTIRAGAZZA DELLA PORTA ACCANTO (LA)L'ISTITUTOLA NOTTE CHE UCCISI JIM MORRISON


Underground
RANCORE FATALEE.N.D.ORACLEBLACK SHADOWS


FRENKENWEENIE: attesa finita. Appuntamento per giovedì!

L'attesa è finita. Questo giovedì FRANKENWEENIE di Tim Burton sbarcherà nelle sale italiane rigorosamente in 3D. La storia è nota, FRANKENWEENIE è un'originale rilettura del genio di Burbank del Frankenstein di Mary Shelley. Realizzata in stop motion, la prima versione è datata 1984 e contribuì a far decidere a Burton di lasicare la Disney che aveva apprezzato il lavoro ma era assolutamente intenzionata a non distribuirlo perché considerato troppo orrorifico.

 

Ecco in due parole la sinossi che molti di voi sicuramente conosceranno a memoria: Victor è un ragazzino interamente dedito alla scienza e al suo cane Sparky. La morte inaspettata del cagnolino lascerà un vuoto incolmabile in Victor, il quale però riuscirà riportarlo in vita grazie ad un idea datagli indirettamente dal suo professore di scienze. Nonostante provi a far rimanere tutto quanto dentro le mura domestiche, Victor si troverà costretto a far fronte a molti problemi causati dai suoi amici che difatti gli rubano l'idea e tentano di far resuscitare i propri animali per poter vincere il concorso di scienze indetto dalla scuola. 

 

In questa nuova versione molto più lunga e dark di quella iniziale vedremo scene totalmente nuove anche se lo script seguirà la storia originale.

 

Per ingannare l'attesa, oggi è stata rilasciata una nuova clip che vi proproniamo. La trovate cliccando sulla fonte.

 

FONTE: la clip del pesce rosso.



scritto da: La Redazione, 15/01/2013


comments powered by Disqus