Drive In
H2ODIOMOSTRO DELL'OBITORIO (IL)CUBE 2 / HYPERCUBEWRONG TURN / IL BOSCO HA FAMEINFECTIONCREEP / IL CHIRURGOFURIA DEI BASKERVILLE (LA)BUIO OMEGAPENSIONE PAURARADICE QUADRATA DI TREPAESE DEL MALE (IL)STRANGOLATORE DI BOSTON (LO)NOTTE DEI SETTE ASSASSINII (LA)PERCHÉ IL DIO FENICIO CONTINUA AD UCCIDERE?CREEPING TERROR (THE)IMAGO MORTIS


Quinto Potere
DEXTERESPHAMMER HOUSE OF HORRORCONSTANTINE


Enoch
CONTAGIOSPLATTERPUNK FIGHTING BACKL'ISTITUTOLA STRADA


Underground
BLACK SHADOWSPORCELAIN RISINGPRESENZEAMPUTAZIONE (L')


DRACULA 3D: il film che NON vedrete al cinema!

Se fino a questo fine settimana era un sospetto, adesso è una certezza. Dracula 3D nel nostro paese sarà un flop clamoroso!

 

Del resto basti pensare che attualmente il film è in programmazione in 31 sale italiane di cui 2 si trovano in tutta la Toscana, 2 in Lombardia, 2 in Puglia, 1 in Piemonte e addiriuttira nessuna in Emilia Romagna, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Basilicata, Sicilia e Valle D'Aosta. A guidare la classifica delle regioni con il maggior numero di sale in cui DRACULA 3D è in cartellone, troviamo il Lazio con "ben" 9 sale! In confronto Paranormal Activity 4 uscito nello stesso periodo pare Titanic.

 

Ora, a presciendere dal valore del film che, se non vogliamo tener conto dell'inguardabile trailer, a giudicare dalla maggior parte dei commenti che circolano in Rete sembra paragonabile a La Croce Dalle Sette Pietre, la cosa resta sorprendente se non altro se si considera che ancor oggi Argento è in grado di catalizzare nelle sale un discreto pubblico in virtù della sua fama che appare comunque quasi intatta nella masse che affollano le multisale per segure l'horror in modo del tutto sporadico.

 

Non ci resta quindi che prendere atto, per l'ennesima volta, di quanto il nostro paese sia evidentemente  ammalato di qualche virus che lo rende refrattario all'horror e al fantastico made in italy e ribadire, a chi a ogni piè sospinto parla di "rinascita del cinema di genere italiano" prossima ventura, che così, a prescindere dai contenuti, non c'è speranza. Inutile farsi illusioni.

 

Ad Maiora.

 

 

 

 



scritto da: La Redazione, 03/12/2012


comments powered by Disqus